giovedì 28 maggio 2020

Stati Uniti: la polizia soffoca fino alla morte un uomo di colore, scatenando la ribellione della popolazione

2020/05/27


I residenti della rivolta attaccano la macchina della polizia di Minneapolis

Lunedì 25 maggio la polizia di Minneapolis  ha arrestato un uomo di colore di nome George Floyd sospettato di aver usato una banconota falsa in un supermercato. Quando è stato messo a terra a pancia in giù e ammanettato dietro la schiena, un ufficiale di polizia ha posizionato il ginocchio all'altezza del collo per 10 minuti, privandolo di ossigeno.  George Floyd è morto implorando ripetutamente il poliziotto di allentare la pressione, annunciando che non riusciva a respirare. Numerosi testimoni, presenti alla scena, hanno gridato alla polizia di fermarsi ma senza risultato. I testimoni che hanno tentato di intervenire sono stati minacciati da un secondo ufficiale di polizia. Uno dei testimoni, tuttavia, ha registrato la scena sul suo telefono. L'omicidio è stato quindi ripreso dal vivo .

Martedì, a Minneapolis si è tenuta una manifestazione per omaggiare il defunto e contro i crimini della polizia e il loro razzismo. Migliaia di persone si sono radunate, le auto della polizia sono state distrutte e la stazione di polizia è stata presa di mira. I poliziotti hanno sparato sui manifestanti proiettili di gas lacrimogeno e di gomma. Uno degli slogan per questa manifestazione era "Non riesco a respirare", riprendendo le ultime frasi pronunciate  da  George Floyd prima di morire.

L'omicidio di George Floyd è stato girato dal vivo

  Turchia: due combattenti del TKP / ML (Partito Comunista di Turchia/marxista-leninista) TIKKO (Armata di Liberazione degli Operai e del Co...