giovedì 31 ottobre 2019

Palestina: nuovo arresto per Khalida Jarrar

Risultati immagini per Khalida Jarrar


Nelle prime ore dell'alba di giovedì 31 ottobre, le forze di occupazione israeliane hanno fatto irruzione nella casa di Ramallah della leader della sinistra palestinese e leader femminista e parlamentare di fama internazionale, Khalida Jarrar . Hanno sequestrato Jarrar dalla sua casa di famiglia alle 3 del mattino a Gerusalemme, con oltre 70 soldati e 12 veicoli militari armati come riportato da sua figlia Yafa su Facebook:
L'arresto arriva appena otto mesi dopo che Jarrar è stata rilasciata l'ultima volta dalla prigione israeliana dopo aver trascorso 20 mesi in prigione senza accusa o processo sotto detenzione amministrativa. Gli ordini di detenzione amministrativa possono essere emessi per un massimo di sei mesi alla volta e sono rinnovabili indefinitamente. Palestinesi come Jarrar hanno trascorso anni  incarcerati senza accusa o processo sotto detenzione amministrativa.

All'interno delle carceri israeliane di occupazione, Jarrar ha svolto un ruolo di primo piano nel sostenere l'educazione delle ragazze minori detenute organizzando lezioni sui diritti umani  e lezioni per gli esami obbligatori delle scuole superiori quando l'autorità carceraria ha negato alle ragazze un insegnante.

Australia: oltre 50 attivisti ambientalisti arrestati a Melbourne

30/10/2019


Martedì 29 ottobre, centinaia di manifestanti i hanno tentato di bloccare una conferenza mineraria internazionale a Melbourne, bloccando l'ingresso al sito. Cinquanta persone sono state arrestate (la maggior parte per ostruzione del traffico) e almeno quattro ricoverate in ospedale dopo scontri con la polizia. In diversi video si può vedere la polizia che gasa i manifestanti con spray al peperoncino e li colpisce con i manganelli. 
Blocco di una conferenza internazionale sull'estrazione mineraria a Melbourne

mercoledì 30 ottobre 2019

Belgio: operaio gilet giallo condannato per fabbricazione di esplosivi

29/10/2019


Lunedì 28 ottobre, un gilet giallo di Anderlues è apparso davanti alla terza corte penale della corte d'appello di Hainaut per richiedere la possibilità di mantenere il suo posto di lavoro  dopo la  condanna definitiva di   trenta mesi .
Il giovane operaio aveva realizzato, con alcuni dei suoi compagni, 14 ordigni esplosivi improvvisati con bottiglie di deodoranti, petardi,  Bengala, alluminio e stoppini. vedi il nostro articolo ). Era stato arrestato con altri giubbotti gialli durante la notte tra il 22 e il 23 febbraio mentre stavano bloccando il deposito petrolchimico di Feluy e la rete stradale circostante.
Ustioni di camion totali a seguito dell'occupazione dei giubbotti gialli a Feluy
Cartella (e): Belgio - Altri argomenti Tag:  , 

martedì 29 ottobre 2019

Torino: SU QUEL RAZZO C’ERAVAMO TUTTI

L'immagine può contenere: testo


Il 7 febbraio scorso veniva sgomberato l’Asilo occupato di Torino, e contestualmente venivano arrestati 6 compagn* accusati di associazione sovversiva per la lotta contro i CPR.
Due giorni dopo, sabato 9 febbraio, migliaia di persone riempivano di rabbia le strade di Torino: un corteo folto, vario e determinato a rendere concreta e visibile l’ostilità contro sgomberi, militarizzazione e repressione. Sul finire della giornata di lotta e resistenza 11 manifestanti venivano arrestati.
Il giorno seguente, al termine di una giornata di lotta antifascista, in tante e tanti ci si è recati in corteo verso il pratone del carcere delle Vallette per far sentire agli arrestati dei giorni precedenti la solidarietà e la complicità che animava i molti che in quei giorni avevano attraversato in maniera conflittuale le strade militarizzate di Torino.
Come sempre quindi i solidali avevano fatto in modo di far giungere le loro voci all’interno, con slogan, botti, fuochi d’artificio, fumogeni e razzi; in quell’occasione aveva preso fuoco una struttura utilizzata come laboratorio di pasticceria del carcere.
La sera del 22 maggio con l’accusa di essere responsabile di quell’incendio veniva arrestato la Boba; l’accusa è di incendio (art.423), la cui pena prevista va da tre a sette anni, con l’aggravante (art.425) di aver commesso il fatto su “edifici pubblici […], destinati a uso di abitazione […], su ammassi di materiale combustibile o esplodente”. Inoltre gli viene contestato il reato di accensioni pericolose (art.703) per aver usato, secondo l’accusa, un razzo nautico, che prevede una pena pecuniaria o l’arresto fino a massimo un anno.
Il 30 maggio la custodia cautelare in carcere veniva sostituita dalla custodia cautelare ai domiciliari con tutte le restrizioni; successivamente il PM Manuela Pedrotta faceva richiesta di giudizio immediato, ed il Tribunale fissava per il prossimo 30 ottobre la prima udienza del processo a carico della Boba. Dopo cinque mesi dall’arresto veniva tolto il divieto di comunicazione.
Ancora una volta attraverso l’attacco ad un compagno, si mette sul banco degli imputati una pratica che appartiene a tutt* noi; la solidarietà è lotta, e come tale viene repressa.
Su quel razzo c’eravamo tutti e tutte
Boba, Silvia, Amma, Uzzo, Patrick liber*
Libertà per tutte e tutti
Presenza solidale in aula mercoledì 30 ottobre h.9,00 aula 52
Cassa Antirep delle Alpi Occidentali

Iraq: coprifuoco a Baghdad

28/10/2019        https://secoursrouge.org/


L'esercito iracheno ha dichiarato un coprifuoco notturno a Baghdad da mezzanotte alle sei del mattino per persone e veicoli fino a nuovo avviso. Piazza Tahrir, in cui cinque manifestanti sono stati uccisi nel corso della giornata di lunedì, è ora occupata giorno e notte dall'esercito  . In totale, dall'inizio del movimento il 1 ° ottobre , 239 persone sono state uccise e oltre 8.000 ferite, secondo un rapporto ufficiale (le cifre effettive sono probabilmente più alte).
le manifestazioni in Iraq contro il governo sono represse nel sangue

Dossier: mondo arabo e Iran Tag:  , 

Turchia: membri del gruppo Yorum ancora in sciopero della fame

29/10/2019


Group Yorum  è un'organizzazione di artisti popolari della Turchia. Le loro canzoni rivoluzionarie e i concerti impegnati provocarono la repressione del regime fascista di Erdoğan. Per 160 giorni, i membri del gruppo detenuti sono stati in sciopero della fame. Oggi sono in condizioni critiche, come dimostra il peso di uno di loro, Bahar Kürt, sceso a 42 kg.
I membri del gruppo chiedono:
la fine delle incursioni della polizia contro il Centro culturale İdil, che viene costantemente perquisito nel tentativo di intimidire le masse nel luogo in cui agisce il gruppo Yorum.
La rimozione dei membri del gruppo Yorum dall'elenco delle persone ricercate dal dipartimento.
Il ritiro del divieto di concerti del gruppo Yorum, ad oggi  vietati da quasi tre anni.
Fermare l'accusa contro i membri del gruppo Yorum.
Il rilascio di tutti i membri del gruppo Yorum.

Il gruppo Yorum
Cartella (e): Turchia-Kurdistan Tag:  ,  , 

lunedì 28 ottobre 2019

International Tribune: libertà per il compagno Theo e per i prigionieri comunisti in Europa!

https://www.causedupeuple.info

 


Noi, organizzazioni rivoluzionarie e membri di vari comitati editoriali rivoluzionari, dichiariamo la nostra incrollabile solidarietà con i maoisti imprigionati nelle carceri europee. L'offensiva generale condotta in Europa, principalmente dalle ex potenze imperialiste, contro la crescente tendenza del comunismo è un esempio della crisi generale dell'imperialismo.
Coloro che affrontano molestie della polizia, arresti, pene detentive e falsi processi meritano la nostra totale solidarietà e supporto quando sono sotto il fuoco del nemico che pensa di potersi salvare dalla sua inevitabile caduta criminalizzando movimenti, organizzazioni e individui.
L'esempio del compagno Theo ci sembra la prova del vero spirito comunista di fronte alla repressione. Dopo essere stato arrestato sul posto di lavoro a seguito di un'accusa fatta senza prove, il compagno Theo è stato gettato nelle carceri dello stato francese il 22 luglio 2019. Da allora , il compagno Theo, profondamente coinvolto nella lotta di classe in Francia , con uno spirito ammirevole di determinazione proletaria e comunista, ha saputo trasformare la prigione in un luogo di lotta. Il suo sciopero della fame ne è la prova. Ha iniziato il giorno del suo arresto e continua, con alcune pause, fino ad oggi, ignorando diverse intimidazioni dei suoi carcerieri per farlo fermare completamente.
La lotta per la libertà dei prigionieri maoisti e dei prigionieri rivoluzionari delle lotte di liberazione nazionale in Europa e nel mondo è una necessità fondamentale della solidarietà necessaria che noi, guidati dall'internazionalismo proletario, assumiamo. Lo stesso compagno Theo, dentro e fuori la prigione, ha sollevato lo slogan per la libertà del prigioniero politico Georges Ibrahim Abdallah. Ma non è abbastanza Non chiediamo al nemico di essere indulgente. La tendenza rivoluzionaria provocherà effettivamente più rabbia dei vecchi stati borghesi in Europa e nel mondo e gli attacchi contro le forze comuniste responsabili della ricostituzione dei partiti comunisti sono solo all'inizio.
Di fronte a questa situazione, la nostra richiesta di libertà non è una richiesta di aiuto. È un'affermazione secondo cui ci assumiamo il compito di difendere la vita e i diritti di tutti noi che siamo presi di mira dal nemico per il nostro ruolo nel promuovere la giusta ideologia del proletariato, il marxismo-leninismo-maoismo , principalmente maoismo, in tutto il mondo.
Collettivo anti-imperialista (Finlandia)
Posizione di classe (FRG)
The People's Cause (Francia)
Partizan (Turchia)
Red Front (Austria)
Fronte rivoluzionario per la difesa dei diritti del popolo (Brasile)
Serve the People Media (Norvegia)
VND (Perù)

Francia: Antonin Bernanos rilasciato su cauzione

27/10/2019       https://secoursrouge.org/


Incarcerato per sei mesi a seguito di una denuncia di militanti fascisti, Antonin sarà disponibile all'appello dell'udienza martedì 29 ottobre. Il rilascio su cauzione di € 10.000, è stato ordinato martedì da un giudice di sorveglianza . L'accusa ha presentato ricorso contro questa decisione che sarà presa in considerazione martedì mattina. Antonin è stato incarcerato dopo la sua incriminazione il 18 aprile per "violenza  e rapina" durante uno scontro tra fascisti e antifascisti nella notte tra il 15 e il 16 aprile, vicino alla cattedrale di Notre-Dame. Il caso è arrivato pochi giorni dopo aver completato una pena di cinque anni (due sospesi) per il suo coinvolgimento nell'attacco a un'auto della polizia nel maggio 2016, in quai de Valmy. a Parigi. Un appello è lanciato per una mobilitazione martedì alle 9 presso il tribunale di Parigi (metropolitana di Parigi) per reclamare la sua completa liberazione. 
Rilascio provvisorio di Antonin Bernanos

domenica 27 ottobre 2019

Francia: Gilets Gialli Act 50



27/10/2019

Sabato, i giubbotti gialli hanno marciato in diverse città della Francia. Alcune centinaia di manifestanti si sono radunati nel centro di Saint-Étienne. Provenendo da una zona commerciale alla periferia per raggiungere il centro, i manifestanti hanno attraversato Saint-Étienne nel primo pomeriggio e hanno bloccato la RN 88 intorno alle 16:00  interrompendo il traffico nella zona in entrambi i sensi. Questi manifestanti sono stati poi sgomberati dalla polizia con l'aiuto dei gas lacrimogeni. Alla fine del pomeriggio, molti altri lacrimogeni sono stati lanciati durante gli scontri mentre i manifestanti cercavano di riprendere le posizioni. So no state arrestate 6 persone. A Tolosa, la polizia è intervenuta molto rapidamente e brutalmente per disperdere la manifestazione non autorizzata.

Nel tardo pomeriggio a Parigi, dove i manifestanti cileni si erano radunati con le giacche gialle, sono scoppiati scontri intorno a Belleville (19 ° e 11 ° arrondissement), mentre il corteo doveva concludersi a colonel Fabien . La polizia ha usato gas lacrimogeni. La stazione della metropolitana è stata chiusa fino alle 19:30, per "misure di sicurezza" secondo il RATP, presumibilmente perché le bocche della stazione erano sature di gas. In prima serata, un evento selvaggio ha avuto luogo nel quartiere. I giubbotti gialli erano anche  a Lille, dove la polizia ha impedito l'incrocio con la manifestazione per Georges Abdallah. A Bordeaux, i giubbotti gialli si sono rapidamente uniti alla manifestazione dei curdi contro  l'offensiva turca contro il Rojava.

Costa Rica: proteste per difendere l'università pubblica




Il 23 ottobre. migliaia di studenti universitari hanno manifestato a San José, per difendere il diritto all'istruzione superiore pubblica. 
Il Costa Rica è il paese centroamericano in cui la disuguaglianza è aumentata maggiormente rispetto a tutti gli altri nella regione e dove non esiste un salario minimo sufficiente per vivere con dignità. 
 L'attuale governo del Citizen Action Party risponde ai mandati di gruppi finanziari e  d'affari.
Le camere aziendali, sebbene siano divise, sono chiare sul fatto che è necessario contenere la pentola a pressione che potrebbe esplodere. 
Il movimento autonomo degli studenti è stato represso violentemente, senza il chiaro sostegno di altri settori. Ma a quanto pare stanno riprendendo la lotta per difendere il diritto all'istruzione superiore pubblica e FEES, il fondo speciale che finanzia le università pubbliche costaricane.
Un movimento studentesco che riaffiora e ha la forza di unire più settori. Tra questi, valorizzarne uno molto specifico: la domanda di aumento dei salari minimi per tutti i lavoratori del settore privato. Perché la lotta deve essere anche per ottenere i salari che consentono una vita dignitosa. 
Il problema non è solo il bilancio delle università ma è principalmente  il problema della precarietà di tutti i lavori, la precarietà della vita di molte persone, che si traduce nella difficoltà delle  famiglie di vivere in condizioni dignitose che permettano ai figli di frequentare la scuola elementare, la scuola secondaria e che alcuni possano decidere di frequentare l'università pubblica, è la lotta per i lavoratori, quella delle persone che vengono colpite ogni giorno dal neoliberismo, dalla violenza e dalla corruzione. 
La tempesta neoliberista, si traduce in povertà,repressione della protesta e nella fine del diritto di sciopero. Pertanto, la lotta è contro la precarietà dell'agricoltura, le coste impoverite e saccheggiate dal turismo che ruba acqua, foreste e contro piantagioni di ananas che avvelenano fiumi e terreni. Contro il razzismo interno, la violenza storica contro le popolazioni indigene, la xenofobia contro i migranti e  sfruttamento del petrolio.  
La lotta non è solo contro il presidente Carlos Alvarado, i rettori universitari Alberto Salom o Henning Jensen o contro il Citizen Action Party e i loro alleati. 
La lotta è contro un modello che minaccia la vita stessa e contro un progetto di espropriazione imposto più di quarant'anni fa dalle organizzazioni internazionali, dal grande capitale transnazionale e dalla classe politica creola. È contro l'assalto del sistema, le sue politiche neoliberiste, inquadrate nel capitalismo, nel neo-colonialismo e nel patriarcato.


Per Nadia Lioce "la questione è il 41 bis non i permessi premio"




 Sulla questione della pronuncia della Corte Costituzionale che farebbe cadere il divieto di accedere a permessi e ad altri benefici per i condannati all'ergastolo ostativo, l'avvocato Caterina Calia, difensore di Nadia, si esprime così all'agenzia di stampa Adnkronos: "oggi per Nadia non è di primaria importanza la questione dei permessi premio, che non credo lei richiederebbe, quanto invece le condizioni estreme di detenzione in cui si trovaIl regime del 41 bis cui è sottoposta da 15 anni  rappresenta la negazione dei diritti primari di ogni persona detenuta. Nel suo caso, così come per gli altri prigionieri politici, tale regime viene applicato nonostante manchi il presupposto principale individuato dalla norma, ovvero la possibilità di contatti con l’organizzazione di appartenenza, che non dà segni di vitalità da almeno 17 anni fa. L'unica ragione per cui è 'murata viva' è la 'ragion di stato' che individua in lei e negli altri prigionieri politici i nemici interni assoluti".


sabato 26 ottobre 2019

Grecia:ancora scontri tra studenti e polizia

Una nuova manifestazione studentesca si è conclusa giovedì scorso con violenti scontri nel centro di Atene. Diverse centinaia di manifestanti hanno cercato di forzare i blocchi stradali della polizia antisommossa disposti per impedire ai manifestanti di raggiungere il Parlamento greco.  La polizia ha anche usato gas lacrimogeni per respingere i manifestanti. Secondo quanto riferito, uno studente e un poliziotto sono rimasti feriti a seguito degli scontri. Allo stesso tempo, somo scoppiati scontri di fronte al Ministero della Macedonia e della Tracia a Salonicco, dove gli studenti hanno organizzato una seconda manifestazione. Gli studenti si oppongono alla decisione del governo di abolire il "l'asilo universitario", che al momento impedisce agli agenti di polizia di entrare nei locali universitari.
Gli scontri ad Atene

Cartella (e): Grecia Tag:  , 

venerdì 25 ottobre 2019

Cile: arrestati durante il coprifuoco sono stati “crocifissi” all’antenna di un commissariato | Cubadebate (Italiano)

Cile: arrestati durante il coprifuoco sono stati “crocifissi” all’antenna di un commissariato | Cubadebate (Italiano)

Cile: arresto di giovani leader comunisti

25/10/2019


Mercoledì sera, 23 ottobre, tre leader della gioventù comunista sono stati arrestati a Santiago . La polizia ha arrestato queste tre persone all'interno di un edificio usando il gas per stanarli . Sono stati portati alla terza stazione di polizia dei Carabineros de Santiago e i loro compagni temono maltrattamenti e toprture.
I tre arrestati sono Valentina Miranda, portavoce del CoNES (Coordinamento nazionale degli studenti secondari), Pablo Ferrada, capo del settore studentesco della gioventù comunista in Cile, e Anaís Pulgar, segretaria politica dell'Università Regionale di Santiago. Solo Valentina Miranda è stata rilasciata.
Maggiori informazioni qui.
Scontri in Cile
Feature: America Latina Tag:  ,  ,  ,  , 

giovedì 24 ottobre 2019

Cile:primo bilancio degli scontri

23/10/2019


Martedì 22 ottobre, dopo 5 giorni di scontri , in particolare tra manifestanti ed esercito, Sebastian Piñera, il presidente del Cile ha chiesto "perdono" al popolo e proposto misure sociali. Le misure annunciate, tuttavia, non hanno indebolito il movimento di protesta. I manifestanti  chiedono cambiamenti più radicali di quelli annunciati ieri sera, come l'adozione di una nuova Costituzione, in sostituzione di quella ereditata  dalla dittatura di Augusto Pinochet. Inoltre, Sebastian Piñera non ha risposto a una delle richieste più pressanti della popolazione: il ritiro dell'esercito che attualmente occupa le strade delle grandi città ( vedi il nostro articolo). Dall'inizio del movimento e in seguito alla repressione violenta che ne è seguita, sono morte tra le 15 e le 20 persone. Sono stati registrati anche numerosi arresti violenti, nonché casi di violenza sessuale da parte dell'esercito o dei Carabineros. Alla fine, più di 250 persone sono rimaste ferite, metà delle quali da armi da fuoco.
Rivolte in Cile
File: America Latina Tag:  , 

mercoledì 23 ottobre 2019


Dichiarazione di Georges Abdallah in occasione della manifestazione del 19 ottobre a Lannemezan







21 ottobre 2019
Cari/e amici/amiche, cari/e compagni/e,
Anni, anni molto lunghi, ed è sempre la stessa emozione e soprattutto la stessa determinazione che fanno eco alla vostra mobilitazione solidale. Oggi, all'alba di questo 36° anno di detenzione, sicuramente non ignorate quale forza ed entusiasmo la vostra manifestazione m’apporti, qui in questi luoghi sinistri.
Al di là di questo filo spinato e delle torrette d’osservazione che ci separano, eccoci sempre insieme, fermamente ritti ad affrontare questo nuovo anno che s’annuncia già ricco di lotte e speranze.
La vostra solidarietà, la vostra mobilitazione nella diversità del vostro impegno, mi riscaldano il cuore ... In effetti, per tutti questi decenni trascorsi, non mi sono mai mancate, compagni. Coloro che hanno scommesso sul respiro corto del vostro slancio di solidarietà ne fanno le spese.
Sapete, non è così facile affrontare la quotidianità mortale dietro le sbarre quando sei stato lì da una "breve" eternità. E se si riesca a reggersi in piedi tutto questo percorso, lo è anche, va sottolineato, grazie a queste varie iniziative di solidarietà che avete sviluppato ovunque in questi decenni ...
Compagni, è inimmaginabile poter affrontare per anni la politica d’annientamento cui sono sottoposti i rivoluzionari detenuti, senza la mobilitazione della solidarietà assunta soprattutto sul terreno della lotta anticapitalista/antimperialista. È proprio sul terreno di questa lotta che si può e si deve fornire il sostegno più significativo ai nostri compagni prigionieri. Sempre insieme, nella diversità dell'espressione della solidarietà, che si può e si deve far progredire la mobilitazione, assumendo sempre più il terreno della lotta effettivamente in corso.
È certamente all'interno della dinamica generale della lotta attuale che ogni iniziativa di solidarietà consente ai compagni detenuti di trascendere le loro condizioni detentive e far parte effettivamente del movimento come rivoluzionari che operano nelle condizioni speciali che sono loro.
Al mio fianco, qui, i valorosi compagni baschi continuano a resistere e da tanti anni. L'adeguamento delle pene e la "sospensione della pena per motivi medici" vengono loro sistematicamente rifiutati. In appello, è stata da poco respinta la richiesta di libertà condizionale presentata dal compagno Xistor, dopo oltre 30 anni di prigionia! Papon ha approfittato della sospensione della pena per motivi medici. Al contrario, il compagno Ibon Fernandez è ancora in prigione nonostante il suo stato di salute e l'opinione di diversi medici esperti ...
Certamente compagni, non occorre soffermarsi a lungo sui vari cavilli giudiziari per spiegare il rifiuto di liberare un particolare prigioniero; è sempre a livello delle autorità politiche che si decide il luogo e il peso del rituale giudiziario, il momento in cui si tratta di prigionieri politici.
Senza cullarmi con dolci illusioni, Compagni per quanto riguarda la mia situazione, c'è ancora "molto" da fare per avviare un risultato favorevole. Come sapete, non basta che lo Stato del Libano "esiga" o piuttosto "richieda" la mia liberazione, occorre ancora che il rapporto di forza realmente esistente possa far capire ai rappresentanti dell'imperialismo francese che la mia detenzione comincia a pesare più delle possibili minacce inerenti la mia liberazione. È solo in questo caso che l'ordine della mia espulsione in Libano non troverà più opposizione. Ecco perché, cari/e amici/amiche e compagni/e, la solidarietà più appropriata che si possa dare a qualsiasi prigioniero rivoluzionario è quella che si sviluppa sempre di più sul terreno della lotta contro il sistema di sfruttamento e dominio.
Cari/e amici/amiche e compagni/e, la componente principale della borghesia araba, in particolare quella dell'Arabia e del Golfo, si è costantemente schierata nel campo del nemico sionista, sotto la guida dell'imperialismo. La causa palestinese attraversa un momento molto difficile. Le masse popolari palestinesi pagano quotidianamente un pesante tributo di sangue e privazioni di ogni tipo.
Non possiamo essere indifferenti alle masse popolari palestinesi e ai combattenti della Resistenza che s’oppongono coraggiosamente alla barbarie della soldataglia sionista e alle orde di coloni, in condizioni particolarmente complicate.
Non possiamo essere indifferenti ai luoghi dei nostri compagni comunisti e dei nostri compagni curdi che affrontano il regime fascista di Erdogan ...
Naturalmente le masse popolari palestinesi e le loro avanguardie combattenti prigioniere possono contare più che mai sulla vostra solidarietà attiva.
Che mille iniziative di solidarietà fioriscano a favore della Palestina e della sua promettente Resistenza!
Solidarietà, ogni solidarietà a coloro che resistono nelle carceri sioniste e nelle celle d’isolamento in Marocco, Turchia, Grecia, Filippine e altrove nel mondo!
Solidarietà, ogni solidarietà verso i proletari in lotta!
Onore ai martiri e alle masse popolari in lotta!
Abbasso l'imperialismo e i suoi cani da guardia sionisti e altri reazionari arabi!
Il capitalismo è nient’altro che barbarie, onore a tutti/e coloro che s’oppongono, nella diversità delle loro espressioni!
Compagni insieme, e solo insieme vinceremo!
A tutti voi, compagni/e e amici/amiche, i miei più calorosi saluti rivoluzionari.

Il vostro compagno Georges Abdallah


Ginevra: Guerra alla guerra! Attaccati gli uffici Lockheed Martin International



https://renverse.co

La notte del 21 ottobre 2019 abbiamo attaccato gli uffici di Ginevra del Lockheed Martin International. Abbiamo preso di mira questo posto per esprimere il nostro sostegno al Kurdistan siriano, che è stato preso d'assalto dall'esercito turco dallo scorso 9 ottobre, con l'aiuto degli aerei F16 di Lockheed Martin International. La nostra azione risponde all'appello della campagna RiseUp4Rojava.
Se oggi ci mobilitiamo per il Rojava, è innanzitutto per l'esperienza sociale rivoluzionaria che rappresenta, i cui valori centrali sono il femminismo, l'ecologia, la democrazia radicale e le convivenze di diversi popoli locali e che offre prospettive uniche per tutta l'umanità e deve essere difesa a tutti i costi.
D'altra parte, se Erdogan riesce a bombardare il Kurdistan siriano impunemente è perché l'Unione europea preferisce vedere migliaia di civili morire sotto le bombe piuttosto che aprire i suoi confini ai rifugiati che vengono rinchiusi nei campi in Turchia. Le politiche razziste nel nostro paese che condannano a morte centinaia di persone nel Mediterraneo e migliaia di altre condannate al confino, isolamento, repressione di polizia e molestie amministrative ... ovunque in Europa e in Svizzera e che oggi consentono l' inizio di un genocidio in Siria.
La nostra solidarietà va a tutti i rivoluzionari della Siria settentrionale, agli internazionalisti che si sono uniti alla lotta, alle migliaia di combattenti che sono già caduti per difendere il Rojava e a tutti coloro che  sono stati sacrificati in nome della "gestione dei flussi migratori".
Poiché vogliamo vedere fiorire la rivoluzione in Rojava e in tutto il mondo, perché chiediamo la libera circolazione per tutti, perché coloro che traggono profitto dalla guerra non dovrebbero mai avere la pace, continueremo a organizzare la resistenza e attaccare i vari attori del massacro in corso.


Cosa dice la campagna RiseUp4Rojava sul nostro target, Lockheed Martin International:
"Lockheed Martin è il più grande trafficante di armi al mondo, con $ 51 miliardi di vendite nel 2017.
Produce aerei militari, tra cui aerei da combattimento F16 e F35, missili, navi da guerra, radar, sistemi di controllo delle armi, satelliti e veicoli spaziali.La
spina dorsale dell'aeronautica turca è l'F-16 Falcon sviluppato da Lockheed
Martin.Questi aerei  sono stati  fondamentalmente utilizzati durante il massacro di Roboski in 2011, dove 34 persone sono state uccise dagli F16 turchi. Le vittime erano per lo più adolescenti.
I caccia turchi continuano i loro attacchi ai villaggi curdi nella regione di Qandil nel Kurdistan iracheno, dove il PKK ha le sue basi principali distruggendo le case degli abitanti dei villaggi curdi durante i bombardamenti ".

Spagna: prigioniera comunista gravemente malata e lasciata senza cure

2020/05/24   https://secoursrouge.org/ Maria José Baños Andujar, una combattente GRAPO, incarcerata dal 18 luglio 2002, è in ...