martedì 31 dicembre 2019

Catalogna fine della : detenzione preventiva per cinque CDR accusati di terrorismo


Il 23 settembre, sette attivisti della CDR sono stati arrestati in relazione all' "Operazione Giuda", accusati di terrorismo e messi in detenzione preventiva. Tra il 20 e il 27 dicembre, cinque di questi prigionieri sono stati rilasciati su cauzione. Quattro di loro, Ferran Jolis, Xavier Buïgas, Xavier Duch e Eduard Garzón hanno dovuto pagare una cauzione di 5.000 euro mentre l'ultimo Alexis Codina ha dovuto pagare il doppio e dovrà firmare ogni settimana al tribunale o alla stazione di polizia Mossos (la polizia catalana) più vicina a casa sua. Questo, compagno, infatti, è considerato uno dei membri fondatori del gruppo con Germinal Tomàs e Jordi Ros, che invece rimangono in prigione. Le sette persone sono accusate di far parte del Tactical Resistance Team (ERT), una fazione radicale del CDR che avrebbe previsto anche il sabotaggio con l'esplosivo. Alexis Codina è quindi accusato di aver allestito un laboratorio di fabbricazione di esplosivi artigianali. Ferran Jolis, da parte sua, è considerato l'esperto IT del gruppo poiché si sarebbe occupato di crittografare le sue comunicazioni, in particolare usurpando le reti Wi-Fi pubbliche e private.
Alexis Codina

Colombia: ELN rilascia tre minori reclutati dall'esercito


Lunedì 23 dicembre, il Fronte di guerra orientale dell'ELN (FGO) ha consegnato tre minori a una missione umanitaria in una zona rurale di Arauca. Questi tre ragazzi di 14 e 15 anni, furono addestrati dall'esercito e poi collocati nei ranghi dei guerriglieri per infiltrarsi e svolgere missioni spia. Furono comunque scoperti dai guerriglieri. Queste tre spie furono reclutate a 10 anni, due ad Aguazul, Casanare e il terzo a Yopal. Questo è, secondo l'ELN, un metodo sistematico dello stato colombiano che si avvicina alle comunità rurali, della classe operaia o con una storia di lotte e suscita tra i giovani un interesse a diventare agenti di intelligence o spie di forze armate e polizia.
Combattenti ELN

Zurigo: Conferenza "Gilet gialli e sciopero generale: combattere la borghesia!"

2019/12/30      https://secoursrouge.org/


In occasione della mobilitazione contro il 50 ° Forum economico mondiale (WEF) di Davos organizzata da una coalizione di organizzazioni rivoluzionarie, Revolutionäre Aufbau organizza un fine settimana di mobilitazione a Zurigo dal 10 al 12 gennaio 2020. In particolare si tratterà di solidarietà con Rojava, resistenza anti-NATO in Sardegna, femminismo, mobilitazioni popolari in America Latina, ecc. Domenica pomeriggio, 12 gennaio, Secours Rouge Toulouse parlerà in una conferenza dal titolo "Gilet gialli e sciopero generale: combattere la borghesia!"
ù

lunedì 30 dicembre 2019

Francia: incidenti durante il 24 ° giorno di sciopero

2019/12/29            https://secoursrouge.org/


La lotta contro la riforma delle pensioni sabato scorso è giunta alla sua 24a giornata. Diversi sindacati avevano indetto manifestazioni  uniti ai giubbotti gialli, soprattutto nella capitale. Un corteo è partito da Place de la Bourse poco prima delle 12:30 per raggiungere la Gare du Nord e l'evento intercategoriale dei sindacati regionali CGT, FO, Solidaires e FSU, che si sono poi diretti a Châtelet. Gli striscioni erano contro il governo che vuole fissare a 64 anni nel 2027 l'età pensionabile, ma anche "Colpisci, blocca, cancella Macron" . Vicino al centro Georges-Pompidou, di fronte al teatro Renard, manifestanti mascherati hanno eretto barricate  e dato fuoco a bidoni della spazzatura. La polizia ha usato gas lacrimogeni. La polizia ha anche usato i droni per visualizzare il movimento delle folle nelle stradine tra il centro Pompidou e il municipio. Sei persone sono state arrestate, secondo il quartier generale della polizia. Altre manifestazioni hanno avuto luogo nelle province, in particolare a Nancy (Meurthe-et-Moselle), dove i manifestanti sono stati respinti dalle forze di polizia a place de la République.
Incidenti a Päris ieri sabato

domenica 29 dicembre 2019

97 anni fa è veniva fondato il primo Secours Rouge International


2019/12/29   https://secoursrouge.org/



Il 29 dicembre 1922, "Secours Rouge International", il primo con questo  nome, fu fondato a Mosca su iniziativa della "Società degli antichi bolscevichi" come associazione di aiuti internazionali e solidarietà per i combattenti della rivoluzione. Questo primo soccorso rosso (MOPR in russo) doveva diventare un'organizzazione di massa a sostegno dei movimenti rivoluzionari in tutto il mondo, in particolare intervenendo in modo massiccio in solidarietà con gli anarchici Sacco e Vanzetti perseguiti negli Stati Uniti, con le brigate internazionali della Guerra spagnola, con i combattenti contro il fascismo in Europa negli anni '30, ecc. Nel 1932, dieci anni dopo la sua fondazione, l'SRI contava 71 sezioni e 14 milioni di membri. Il primo soccorso rosso è scomparso fondendosi nelle organizzazioni dei fronti della resistenza all'alba della seconda guerra mondiale. Quasi un secolo dopo, diverse organizzazioni di solidarietà rivoluzionaria e internazionale rivendicano  l'eredità di Secours Rouge. Compresi i nostri Secours Rouge International e le sue sezioni nazionali.

Cile: violenti scontri a Santiago

2019/12/28


 In Cile proseguono gli scontri.  Venerdì scorso, diverse migliaia di manifestanti si sono scontrati con la polizia durante una manifestazione nel centro di Santiago, la capitale del paese. Attraverso i social network, i manifestanti si sono radunati  come al solito in Plaza Italia, il centro della protesta dall'inizio delle mobilitazioni di massa contro il governo di Sebastián Piñera. Le forze antisommossa hanno preso il controllo del posto nel pomeriggio, mettendo in campo numerose  truppe per impedire qualsiasi raduno. La polizia ha disperso la folla con getti d'acqua e gas lacrimogeni, ma dopo quasi due ore di scontri e un incendio in un vicino centro culturale, migliaia di manifestanti sono finalmente riusciti a raggiungere il centro della piazza.
Gli scontri di ieri in Cile

Dossier: America Latina Tag:  , 

Francia: prova di 31 giubbotti gialli, un anno dopo l'incendio al casello autostradale

2019/12/28


Per quasi 12 giorni, dal 9 al 20 dicembre, la corte di Narbonne ha processato 31 giubbotti gialli per il saccheggio e l'incendio del casello a pedaggio a sud della città la notte tra l' 1 e il  2 dicembre 2018. In questa occasione i locali della gendarmeria e quelli della compagnia di Vinci erano stati incendiati e saccheggiati da una folla di 200 persone (11 milioni di euro di danni). I pubblici ministeri hanno evocato "scene di caos, guerriglia e apocalisse», che richiede 27 termini di reclusione, 11 mandati di arresto e 2 detenzioni per due imputati. La più pesante delle pene richieste è stata chiesta a Kevin, 29 anni, che rischia sei anni di carcere. La procura lo considera, in effetti, il conducente del dispositivo utilizzato per lanciare un veicolo in fiamme contro la barriera del pedaggio, contestato dall'accusato e dal suo avvocato. La sentenza è stata rinviata e sarà emessa il 7 gennaio.
Edifici bruciati

sabato 28 dicembre 2019

Palestina: appello per una settimana di azione internazionale per liberare Ahmad Sa'adat

2019/12/27


La campagna per liberare Ahmad Sa'adat e la rete Samidoun pubblicano un invito internazionale all'azione dal 15 al 29 gennaio 2020, per rilasciare Ahmad Sa'adat e tutti i prigionieri e le prigioniere della causa palestinese detenuti nelle carceri israeliane. Ahmad Sa'adat, segretario generale del PFLP, è stato rinchiuso per 18 anni e le azioni sono regolarmente condotte a favore della sua liberazione. Un simile invito all'azione era già stato fatto l'anno scorso .
Maggiori informazioni qui .
Chiama per una settimana di azione internazionale per liberare Ahmad Sa'adat

Libano: incidenti a Beirut

2019/12/27


Violenti scontri sono scoppiati tra un gruppo di manifestanti e la polizia fuori dalla banca centrale libanese, mentre il paese sta attraversando la peggiore crisi economica e finanziaria degli ultimi decenni, che ha scatenato proteste in tutto il Libano. I manifestanti hanno anche distribuito volantini dicendo: "Non paghiamo", e chiedendo a tutti i libanesi di smettere di pagare le tasse  al governo e di astenersi dal rimborsare i prestiti alle banche fino a quando i cittadini non potranno ottenere tutti i loro diritti. Le forze di sicurezza sono intervenute e hanno innescato forti scontri con i manifestanti che hanno cercato di bloccare la strada.

Di fronte al quartier generale della Banca del Libano

venerdì 27 dicembre 2019

Filippine: attacco maoista

2019/12/26


Un soldato dell'esercito governativo è stato ucciso e altri sei feriti in un attacco lanciato lunedì dai guerriglieri maoisti in un villaggio isolato fuori Labo City, nella provincia di Camarines Norte. Un plotone della nona divisione di fanteria pattugliava  Barangay Baay quando sono caduti in un'imboscata. I guerriglieri hanno fatto esplodere uno IED sulla strada della pattuglia, quindi hanno aperto il fuoco sui soldati.
Combattenti NPA

giovedì 26 dicembre 2019

Francia/ Parigi: scontri alla stazione Gare de Lyon

2019/12/25

Centinaia di attivisti e scioperanti di tre sindacati che lottano contro la riforma delle pensioni, si sono riuniti lunedì davanti alla Gare de Lyon a Parigi. Hanno lanciato razzi e fuochi d'artificio e si sono scontrati con la polizia, che ha sparato gas lacrimogeni. I manifestanti hanno bloccato il traffico sulla linea 1 della metropolitana di Parigi invadendo le piattaforme della stazione Gare de Lyon.  La linea 1, totalmente automatica, è una delle due linee della metropolitana di Parigi che ha funzionato normalmente dall'inizio dello sciopero. Il traffico della linea è stato interrotto tra Châtelet e Nation a causa dei manifestanti chce hanno invaso la stazione di Gare de Lyon. La linea 14, la seconda linea automatizzata, passa anch'essa attraverso la stazione Gare de Lyon. Il raduno di fronte alla Gare de Lyon


Argentina: violenti scontri in una manifestazione a difesa dell'acqua contro progetti minerari

2019/12/25          https://secoursrouge.org/


La provincia argentina del vino di Mendoza si è sollevata per protestare contro l'annullamento di una legge sulla protezione delle acque del 2007 che aveva impedito con successo i progetti minerari nella provincia. La modifica della legge 7722 consentirà l'uso di acido solforico, cianuro e altri prodotti chimici tossici. La cancellazione della legge per la protezione delle acque ha portato a proteste durante la scorsa settimana che hanno provocato blocchi  alle strade nazionali e provinciali. Migliaia di persone si sono radunate lunedì scorso fuori dall'ufficio del governatore provinciale. Gli scontri sono scoppiati nel pomeriggio quando la polizia ha sparato proiettili di gomma e gas lacrimogeni sulla folla. Fonti ufficiali riferiscono che 19 agenti di polizia sono rimasti feriti e 16 manifestanti sono stati arrestati. Il governatore sostiene che i progetti minerari (zinco e ferro) creerebbero decine di migliaia di nuovi posti di lavoro, ma questi potrebbero minacciare le fonti d'acqua da cui dipendono agricoltori e viticoltori, in una provincia semi-arida che già attraversa la peggiore siccità nella sua storia.
Il crollo di lunedì a Mendoza
Dossier: America Latina Tag:  , 

lunedì 23 dicembre 2019

Cile: ancora scontri

2019/12/22

Violenti scontri tra polizia e manifestanti sono scoppiati venerdì scorso nel centro di Santiago del Cile, mentre il paese è  scosso da due mesi da una profonda crisi sociale. Gli incidenti sono scoppiati in particolare intorno a Plaza Italia, il centro della disputa, che era stata isolata e occupata in gran numero dalle forze antisommossa per impedire qualsiasi manifestazione. Ciò non ha impedito ai manifestanti di tentare di accedervi, la polizia ha reagito con getti d'acqua e gas lacrimogeni. Dopo un'ora di scontri, i manifestanti hanno abbattuto le barriere di metallo bloccando l'accesso alla piazza e travolgendo la polizia, che ha dovuto ritirarsi nelle strade circostanti. Un altro gruppo di manifestanti ha marciato verso il palazzo del governo a La Moneda,

Scontri di venerdì a Santiago
Dossier: America Latina Tag:  , 

Filippine: due quadri maoisti uccisi da forze speciali

2019/12/22

Forze speciali della polizia e dell'esercito hanno effettuato un'operazione che ha portato alla morte di due leader maoisti ricercati da tempo. Sono alias Eleuterio Sadyaw Agmaliw "Omeng" e Freddie Daileg noto come "Poldo". Sono stati oggetto di mandati di arresto per "incendio doloso, omicidio, tentato omicidio e ribellione"Un terzo maoista non identificato è stato ucciso durante l'operazione. Le forze di sicurezza hanno individuato i maoisti in un complesso residenziale di Novaliches nella città di Quezon intorno alle 3:30 del mattino. I rivoluzionari hanno resistito , ferendo due agenti di polizia. Un fucile M16 con caricatore e munizioni, un revolver calibro .38, due bombe a mano, componenti di ordigni esplosivi, telefoni cellulari, un computer portatile e documenti politici sono stati sequestrati dalla polizia.

Membri della guerriglia maoista (archivio)


Colombia: un altro ex FARC assassinato

2019/12/22

Sabato 21 dicembre, Ender Elías Ravelo , un ex guerrigliero delle FARC smobilitate, è stato assassinato in uno stabilimento commerciale situato nel distretto di Santander del comune di Tibú. Gli assassini sono arrivati su una moto e uno di loro ha aperto il fuoco sul'ex guerrigliero, su sua moglie e un amico della coppia. Gli omicidi delle ex FARC  sono frequenti nel paese dagli accordi di pace del 2016 Solo quest'anno ci sono stati più di 60 omicidi del genere.

Ender Elías Ravelo, ex FARC assassinato

Dossier: America Latina Tag:  ,  , 

Spagna: prigioniera comunista gravemente malata e lasciata senza cure

2020/05/24   https://secoursrouge.org/ Maria José Baños Andujar, una combattente GRAPO, incarcerata dal 18 luglio 2002, è in ...