mercoledì 31 luglio 2019

Libano / Francia: dimostrazione per il diritto al ritorno in Palestina e per il rilascio dei prigionieri

31 luglio 2019     /secoursrouge.org


Martedì 30 luglio, a Saïda, in Libano, migliaia di palestinesi e libanesi hanno manifestato per i diritti dei rifugiati palestinesi , per il diritto al ritorno e contro il tentativo di liquidare la causa palestinese.  Il Collectif Palestine Vaincra era  presente  proseguendo, in questo modo, la campagna per la liberazione di Georges Abdallah  comunista libanese  e  per la liberazione di Ahmad Sa'adat, il segretario generale del PFLP imprigionato dall'occupante sionista ( vedi il nostro articolo ).


Un video della dimostrazione qui
Manifestazione in Libano per il diritto al ritorno in Palestina Manifestazione in Libano per il diritto al ritorno in Palestina
Vedi il file: taggato:  -  -  -  -  -  - Le nostre fonti

Irlanda del Nord: IRA-Continuity prende di mira la polizia

30 luglio 2019         secoursrouge.org


La Continuity IRA ha tentato un agguato contro la polizia a Craigavon. Hanno attirato poliziotti denunciando un  attacco di mortaio sulla strada di Tullygally venerdì intorno a mezzanotte. La polizia è intervenuta ed  ha effettivamente trovato un dispositivo che ricorda un mortaio vicino a una fermata dell'autobus. In realtà si trattava di una bomba  progettata per esplodere quando mossa. Non è esplosa a causa di un problema tecnico che ha impedito la riuscita dell'agguato.



Il falso mortaio lo rende una vera bombaIl falso mortaio lo rende una vera bomba
Vedi il file: con tag:  -  -  -  - Le nostre fonti

Grecia / Turchia: dimostrazione per il rilascio di due prigionieri dall'ATIK

30 luglio 2019


Martedì 30 luglio si è tenuta una manifestazione davanti al tribunale di Komotini (la capitale della Macedonia orientale e della Tracia) per chiedere il rilascio di due prigionieri dell'ATIK. I due prigionieri sono Abdullah Gürlek e Vedat Yeler. Hanno rivendicato pubblicamente la loro identità politica e sono stati rinchiusi nella prigione di Gumulcin dal 13 febbraio.


Manifestazione per il rilascio di due prigionieri dall'ATIK in GreciaManifestazione per il rilascio di due prigionieri dall'ATIK in Grecia
Vedi il file: taggato:  -  -  -  - - Le nostre fonti

martedì 30 luglio 2019

Germania: stazione di polizia attaccata in risposta all'arresto di 3 attivisti

29 luglio 2019           secoursrouge.org


Domenica 28 luglio, un gruppo anarchico ha attaccato una stazione di polizia a Brema, in Germania, distruggendo completamente due macchine della polizia  e alla porta principale dell'edificio. L'attacco è stato condotto in solidarietà con tre attivisti di Amburgo, arrestati l'8 luglio 2019. Due di loro sono ancora in carcere, il terzo è stato rilasciato in libertà vigilata. Secondo la stampa, sono accusati di preparazione di incendi dolosi durante l'anniversario delle rivolte contro il vertice del G20 ad Amburgo nel 2017.



2017 Tag in solidarietà con i prigionieri del G202017 Tag in solidarietà con i prigionieri del G20
Vedi il file: taggato:  -  - - Le nostre fonti

lunedì 29 luglio 2019

Francia: gilet gialli Atti XXXVII

28 luglio 2019


Tre "giubbotti gialli" sono stati arrestati a Parigi sabato sera, dopo aver avuto un alterco con un automobilista a margine della loro manifestazione nella capitale. Centinaia di "giubbotti gialli" hanno risposto all'appello dell'assemblea nazionale a Perpignano. La manifestazione è iniziata verso le 11 dirigendosi verso il centro città. Bloccati da una moltitudine  di poliziotti in quai Sadi-Carnot, i manifestanti cantarono "Where is Steve?", In riferimento a Steve Maia Carriço, il giovane di 24 anni scomparso dopo una carica  di polizia a Nantes. Una banca è stata attaccata così come  gli uffici del deputato locale di La Republique en MarceTutte le finestre sono state rotte e c'è stato anche un principio di incendio. Il deputato era presente negli uffici al momento dei fatti e si è nascosto in un'altra stanza per non essere visto. Almeno tre persone sono rimaste ferite e una persona è stata arrestata.



La permanenza del deputatoLa permanenza del deputato Grau
Vedi il file: taggato:  - - Le nostre fonti

Francia / Paesi Baschi: Lorentxa Beyrie rimane prigioniera

28 luglio 2019        secoursrouge.org


Lorentxa Beyrie, 44 anni, di Cambo-les-Bains (Pirenei Atlantici) è in prigione da trenta anni (la pena massima in Francia), dopo diverse condanne appartenenza all'ETA. Detenuta da 18 anni e malata, non potrà lasciare la prigione nonostante la decisione della corte di esecuzione delle sanzioni, questo giovedì, gli abbia concesso una libertà condizionale con sorveglianza elettronica, immediatamente però sospesa dopo l'appello del procuratore antiterrorista di Parigi. Attualmente Lorentxa sta scontando la pena nel centro di detenzione Roanne (Loira). Si tratta della terza  richiesta di libertà condizionale  presentata dai suoi avvocati. Dopo due rifiuti, questa sarebbe stata la prima concessione.

Il 5 luglio una richiesta di libertà condizionale per Frédéric "Xistor" Haramburu, incarcerato da  trenta anni e condannato all'ergastolo dalla speciale Corte Assise di Parigi, è stata accolta dal tribunale dell'esecuzione delle sentenze e immediatamente sospesa dall'appello della procura antiterrorismo.



Raduno di solidarietà con Lorentxa BeyrieRaduno di solidarietà con Lorentxa Beyrie
Vedi il file: taggato:  -  -  -  - Le nostre fonti

domenica 28 luglio 2019

Italia/Valle di Susa: Migliaia di No Tav accerchiano il cantiere e sfondano la zona rossa!




(...) Il corteo formato da più di 15.000 persone è partito dal festival dell'alta felicità, sfidando la tempesta. La pioggia torrenziale, terminata giusto in tempo per partire, ha provocato una smottamento di acqua e fango nei pressi del campeggio, proprio nella zona colpita dagli incendi che nel 2017 avevano devastato la valle. Una semplice metafora che dimostra l'assunto che i No Tav rivendicano da tempo: l'unica urgenza è la messa in sicurezza dei territori, non le grandi opere inutili.
Il corteo ha raggiunto Giaglione, prendendo la strada che porta al cantiere della Val Clarea, dividendosi in tre parti. In migliaia hanno preso i sentieri alti arrivando al cantiere da più punti di fatto accerchiandolo e mettendo pressione alle forze dell'ordine. Il grosso della marcia, invece ha proseguito per la strada principale fino al Jersey, che nella mente del Prefetto e del Questore avrebbe dovuto fermare la determinazione dei no tav. Dopo un intenso lavoro, e con gli attrezzi giusti, la prima barriera è saltata facendo scappare sbigottiti, polizia, digos e "servizi segreti" (cit Salvini), che per più di un ora hanno bersagliato la marcia con i lacrimogeni, cercando di fermala. In migliaia hanno esultato vedendo cadere le reti e il filo spinato e hanno gioito per la ben poco onorevole ritirata dei guardiani del fortino, di fatto accerchiati da tutti i punti.
Tutto il corteo ha raggiunto il cantiere circondandolo, e riuscendo a tagliare le reti lungo il perimetro del cantiere proprio in prossimità del torrente Clarea. Inutili i lacrimogeni che a centinaia sono stati sparati da polizia, finanza e carabinieri.
Dopo ore di battaglia la marcia è tornata lungo la statale del Moncenisio fino al Festival dell'Alta Felicità.
Inutile il clima terroristico che questore, prefetto e ministro hanno cercato di costruire nei giorni precedenti con posti di blocco sulle strade e check point nelle stazioni. Il dispositivo repressivo è stato completamente ridicolizzato dalla determinazione e fermezza dei No Tav e dalla sicurezza costruita negli anni a partire dallo slogan del movimento "si parte e si torna insieme". Da anni non accadeva che migliaia di persone arrivassero a circondare il cantiere, a dimostrazione che la lotta contro il treno veloce è viva e vegeta.(...)

Bulgaria: negata libertà condizionale per Jock Palfreeman

28 luglio 2019

La scorsa settimana, a Jock Palfreeman, un antifascista australiano di 32 anni, è stata negata la libertà condizionale. Condannato nel 2009 a 20 anni di prigione per omicidio ( vedi il nostro articolo) e imprigionato dal 2007, Jock ha già trascorso più di 11 anni in prigione. Ciononostante, tutti gli appelli contro la condanna  - così come le domande di congedo per scontare il resto della sua pena in Australia - sono falliti.La decisione della corte di negare la libertà vigilata di Jock è stata preceduta in aprile dal suo sciopero della fame per protestare contro i maltrattamenti da parte delle autorità carcerarie. Lo sciopero si è concluso a maggio dopo 33 giorni ( vedi il nostro articolo ).


Jock gratuitoJock gratuito
Vedi il file: taggato:  -  -  - Le nostre fonti

Palestina: un morto e 38 feriti tra i manifestanti a Gaza

27 luglio 2019      secoursrouge.org


Ahmed Qura, un palestinese di 23 anni, è morto a causa delle ferite inferte dalle forze di occupazione israeliane a est di Khan Younis durante le manifestazioni contro il confine. Il giovane è stato colpito allo stomaco  lungo il confine orientale di Khan Younis nel sud di Gaza. Dalla fine di marzo 2018, i palestinesi di Gaza si sono radunati lungo la barriera super protetta che li separa da Israele per protestare contro il blocco. rivendicano anche il diritto di tornare nelle terre da cui i loro antenati furono cacciati o fuggiti quando Israele è stato creato nel 1948. Venerdì, trentotto palestinesi sono stati feriti dalle armi da fuoco israeliane.



Manifestante a GazaManifestante al confine di Gaza (archivio)
Vedi il file: taggato:  - Le nostre fonti

Francia: Theo in sciopero della fame

27 luglio 2019        secoursrouge.org


Theo El Ghozzi, un lavoratore di Nantes, un attivista maoista incarcerato in seguito alla scritta murale contro l'ex ministro di Rugy ( vedi il nostro articolo ), è in sciopero della fame dal 22 luglio. Rivendica il riconoscimento del suo status di prigioniero politico, il suo trasferimento nella prigione di Riom e il rilascio di prigionieri politici, in particolare quello di Georges Ibrahim Abdallah.



El GhozziEl Ghozzi
Vedi il file: taggato:  -  -  - Le nostre fonti

sabato 27 luglio 2019

Aggiornamenti sulla situazione del compagno anarchico detenuto Alfredo Cospito

fonte: anarhija.info
Il compagno Alfredo Cospito aveva iniziato a sentirsi male 15 giorni fa, appena terminato lo sciopero della fame. Ha insistito subito per una TAC. In effetti, appena fatta la TAC lo hanno trasferito d’urgenza in ospedale, dove è stato operato. L’intervento è durato 5 ore perché hanno dovuto asportare la cistifellea, che era esplosa. Il tutto sempre perché da mesi i dottori dicevano che era necessario operarlo, ma il carcere ha sempre rimandato, cercando di risolvere il problema con delle pasticche, che in realtà non hanno risolto niente. Con lo sciopero della fame la situazione si era aggravata.
I familiari hanno saputo dell’intervento chirurgico e del trasferimento solo quattro giorni più tardi. Una settimana dopo l’operazione è stato ritrasferito in carcere. Al colloquio era apparso molto provato fisicamente, in sedia a rotelle e molto dimagrito.
Durante la degenza in ospedale era stato messo in una stanza con porta blindata, telecamere e almeno tre guardie, senza nulla, né libri né orologio, perdendo la cognizione del tempo che passava. Dopo tre giorni era riuscito a farsi portare qualche libro che aveva in sezione.
Tre giorni fa una chiamata dell’ avvocato ha informato che Alfredo era stato nuovamente trasferito in ospedale, in chirurgia intensiva.
Dopo la visita di eri in ospedale la situazione è questa: è partita un’infezione al pancreas dovuta ad una cisti rimasta vagante, che ha infettato il tutto. Ora la situazione è stabile e sta migliorando. Alfredo sta bene moralmente.
Questa volta il primario ha specificato che non lo dimetterà fino a quando sarà sicuro che è completamente guarito.
E’ chiaro che il rientro in carcere dopo l’intervento e stato accelerato perché considerato elemento molto pericoloso, ed erano in paranoia per una sua eventuale fuga. Perciò i medici hanno subito pressioni e l’hanno dimesso prima del tempo.
Ora ha qualche libro, ma stiamo cercando di rompere le balle per fare in modo che gli arrivi in ospedale almeno la posta e il cambio, visto che sono giorni che si lava la roba da solo, tenendo da una parte la flebo e dall’altra il sapone.
A presto ulteriori aggiornamenti.

Argentina: insegnanti in lotta conrto la polizia

26 luglio 2019          secoursrouge.org


La polizia della provincia di Salta ha represso gli insegnanti che hanno protestato dopo nove giorni di scioperi per denunciare la mancanza di negoziati con i funzionari del governo. Riuniti di fronte al Ministero della Pubblica Istruzione, i manifestanti sono stati attaccati da 200 poliziotti. Due insegnanti in sciopero hanno dovuto essere ricoverati in ospedale e molti altri sono rimasti leggermente feriti.


L'evento a SaltaL'evento a Salta
Vedi il file: taggato: - Le nostre fonti

Filippine: l'NPA conduce una serie di offensive nel Western Samar

26 luglio 2019          secoursrouge.org

L'Arnulfo Ortiz Command della Western Samar NPA (esercito popolare ) ha lanciato una serie di operazioni di guerriglia contro il regime di Duterte in previsione del prossimo discorso del Presidente sullo stato della nazione.Il 16 giugno, si sono verificati scontri tra la guerriglia e gli elementi del 63 ° battaglione di fanteria durante il quale morirono due soldati e molti altri furono feriti. Il 27 giugno, tre membri dell'87 ° battaglione di fanteria sono stati uccisi dai combattenti dell'NPA. Infine, il 7 luglio, un gruppo di operazioni speciali dell'NPA ha preso di mira Sonny Moreno, un ufficiale  del battaglione di intelligence (BRM) a Poblacion, San José de Buan. Non ci sono vittime nei ranghi dell'NPA.



Combattenti dell'NPACombattenti dell'NPA
Vedi il file: taggato:  -  -  - Le nostre fonti

venerdì 26 luglio 2019

Sudafrica: scontri all'università di Durban

25 luglio 2019

Gli studenti del campus di Westville dell'Università di KwaZulu-Natal si sono ribellati martedì dopo due giorni di proteste. Hanno lanciato sedie e pietre contro i veicoli della polizia e si sono scontrati con la sicurezza della struttura. Uno dei motivi delle proteste è dovuto alle cattive condizioni delle case in cui vivono. Denunciano anche l'esclusione scolastica.



Schieramento delle forze di sicurezza nel campus UKSNSchieramento delle forze di sicurezza nel campus UKSN
Vedi il file: taggato:  - - Le nostre fonti

Belgio: E' morto un compagno

25 luglio 2019         secoursrouge.org

È con grande tristezza che apprendiamo della morte del nostro amico e compagno, Mustapha "Ernest" Erden (noto anche come Mujo Muric), che è stato stroncato da un infarto questa mattina. Mustapha era un militante comunista, membro del movimento rivoluzionario turco della prima ora.Ha vissuto in Belgio per molti anni e ha partecipato a tutte le mobilitazioni della sinistra rivoluzionaria locale e internazionale. La sua lotta per il socialismo, l'internazionalismo e la solidarietà continuerà attraverso le nostre lotte. I nostri pensieri sono per amici, compagni e la famiglia di Mustapha. 
Ricorderemo sempre la sua gentilezza, il suo spirito di vero cameratismo, la sua ostilità verso il settarismo e il suo attaccamento all'unità di tutti i rivoluzionari.



Mustapha "Ernest" ErdenMustapha "Ernest" Erden
Vedi il file: taggato: - Le nostre fonti

giovedì 25 luglio 2019

Nantes: arresto per un tag maoista

24 luglio 2019


Un uomo di 27 anni è stato arrestato e incarcerato ieri a Nantes. È sospettato di essere l'autore di una scritta  a Orvault, vicino a Nantes, sull'abitazione di François De Rugy, ex ministro della transizione ecologica coinvolto in vari scandali. La scritta era stata rivendicata dal Partito Comunista Maoista dichiarando che "i parassiti come Rugy che divorano l'aragosta, vivono nel lusso e sfruttano l'edilizia sociale grazie ai soldi rubati ai lavoratori devono essere denunciati e combattuti!" In passato, la residenza del deputato di Nantes nella Loira Atlantica è stata più volte danneggiata e la sua seconda casa sull'isola di Ouessant è stata oggetto di slogan antigovernativi a dicembre.



Il tag sull'edificio situato a OrvaultIl tag sull'alloggiamento dell'ex ministro, situato a Orvault
EDIT: Puoi scrivere a lui: Théo EL GHOZZI 
"Arrivants" quartiere / N ° 69139 
Centro penitenziario di Nantes 
Rue de la Mainguais / 44000 NAONED / FRANCIA
Vedi il file: taggato come:  -  - Le nostre fonti

mercoledì 24 luglio 2019

Turchia / Kurdistan: un attacco di YJA Star: 13 soldati turchi abbattuti

24 luglio 2019       /secoursrouge.org


Domenica 21 luglio, le truppe della YJA Star (l'unità delle donne libere) hanno condotto un attacco contro una colonna corazzata dell'esercito turco. Il convoglio turco è stato colpito mentre si dirigeva da Çelê (Çukurca) al centro di Hakkari alle 21:30. Mentre tutti i veicoli del convoglio erano sotto un intenso fuoco, un veicolo blindato di tipo Kirpi è stato completamente distrutto e 13 soldati turchi sono stati uccisi. Le guerrigliere non hanno subito alcuna perdita e hanno raggiunto la loro base in sicurezza.



Combattenti di YJA StarCombattenti di YJA Star
Vedi il file: con tag:  -  -  - Le nostre fonti

martedì 23 luglio 2019

“Tutti a dire della rabbia del fiume in piena e nessuno della violenza degli argini che lo costringono.” BERTOLT BRECHT









La mattina di Martedì 23 luglio sono andati a fuoco i cavi di una cabina elettrica del TAV tra Firenze e Bologna, risultato : 42 treni cancellati tra FS ed Italo e una giornata di caos alle stazioni. L’incendio dei cavi pare sia di origine dolosa e la DIGOS indaga da subito sulla matrice anarchica del presunto attentato legandolo alla sentenza che, nel pomeriggio dello stesso giorno, sarebbe stata emessa (Ghespe 9 anni,Giova 9 anni, 10 mesi e 15 giorni,Paska 9 anni e 10 mesi.Per tutti gli altri e le altre, le condanne vanno da un mese a 6 anni.) contro una ventina di compagni ai quali va tutta la nostra solidarietà.
Tra le accuse nei confronti dei compagni anarchici c’è anche quella dell’attentato del capodanno 2017 ad una libreria di Casa Pound  dove un agente (artificiere, ma piuttosto sprovveduto) aveva perso una mano ed un occhio nel tentativo di disinnescare l’ordigno artigianale piazzato di fronte alla sede fascista.
Dai politicanti borghesi si sono subito sollevate esternazioni di condanna per il presunto attentato al TAV ed il ministro degli interni Salvini, sostenuto da un nugolo di politicanti di destra (quella vera) e del PD che scimmiotta la vera destra, auspica l’arresto dei “violenti” e il riavvio immediato del cantiere TAV di Chiomonte, in valle di Susa, a suon di repressione contro chi, con ogni mezzo necessario, cerca di fermare le devastazioni del proprio territorio e la speculazione che ne è la causa.
Il TAV (Treno ad Alta Velocità) viene spacciato come una grande opera alla quale il nostro Paese non può rinunciare in nome della modernizzazione e della velocità nei collegamenti.
Ma di che diavolo di innovazione e modernità stiamo parlando se un accendino è riuscito a bloccare i collegamenti dell’intero Paese?
Al di là delle deficienze tecniche del TAV che confermerebbero l’impiego dissennato di soldi pubblici per un opera devastante e senza senso, ci teniamo a fare notare al ministro Salvini e a tutti quei parassiti che vorrebbero procedere con il progetto speculativo in valle di Susa, che la mattina di martedì 23 luglio la tanto osannata “super velocità” ha bloccato per un giorno l’Italia intera! Altro che “collegamenti veloci”.
La nostra solidarietà va ai compagni anarchici condannati dal tribunale borghese il 23 luglio e a quei compagni che, orientati dalla lotta di classe, con ogni mezzo necessario, combattono contro devastazioni ambientali, speculazione, sfruttamento, fascismo e repressione.


PtSRI 


Filippine: quattro poliziotti giustiziati dalla guerriglia

22 luglio 2019

Quattro poliziotti dell'ufficio provinciale di polizia di Negros Oriental (Norppo) sono stati uccisi a colpi di pistola da sospetti membri della guerriglia maoista. La polizia a bordo di motociclette  si stava avvicinando ad  una casa quando è scoppiato  un forte incendio. La polizia è stata colpita più volte senza avere il tempo di accorgersi di quanto stava accadendo. La 303a brigata di fanteria dell'esercito filippino, di stanza nella regione, è stata messa in stato si allerta allerta.



Combattenti dell'NPACombattenti dell'NPA
Vedi il file: taggato:  -  -  - Le nostre fonti

Bruxelles: arresti preventivi di gilet gialli alla festa nazionale

22 luglio 2019       


Giubbotti gialli sono stati arrestati dalla polizia domenica 21 luglio, festa nazionale del Belgio, nel Royal Park di Bruxelles. Nessuno di loro aveva un giubbotto giallo addosso e non era stata intentata alcuna dimostrazione. Gli arresti sono stati fatti dalla polizia federale in presenza di ufficiali dell'intelligence generale. I giubbotti gialli sono stati trattenuti nel Vauxhall del parco fino alla fine della parata.



Il chiosco VauxhallIl chiosco Vauxhall
Vedi il file: taggato: - Le nostre fonti

Turchia / Kurdistan: l'esercito turco prepara un nuovo attacco con la collaborazione del KDP

22 luglio 2019 secoursrouge.org


Il regime turco si sta preparando per nuove operazioni di occupazione contro il Kurdistan iracheno e il Rojava. La pressione su Maxmur e Shengal dovrebbe aumentare. L'esercito turco ha inviato un gran numero di soldati e attrezzature militari nella città di Derecik, nel distretto dinemdinli di Hakkari. Secondo quanto riferito, le truppe dispiegate al confine hanno pianificato una "operazione speciale" contro la regione di Barzan nel distretto di Hewler (Erbil) Soran. Lo scopo dell'operazione sarebbe quello di invadere e stabilirsi nell'area di Goshine tra Xakurke e Xinere.Allo stesso tempo, il regime turco sta pianificando un attacco al Rojava ( vedi il nostro articolo ). I rinforzi dell'esercito turco stanno affollando il distretto di Akfa di Akçakale. Le due operazioni devono essere eseguite contemporaneamente. Il piano turco prevede anche una crescente pressione contro Maxmur e Shengal. Questo piano viene portato avanti con la collaborazione del regime KDP del clan Barzani che ha in particolare agevolato le truppe turche sulle colline di Mirwasye e Kepki Kejwe nella città di Sheladize, nel distretto di Amadiya, a Duhok abbandonando il territorio. La collina di Rebia nella zona di Sheladize e un'altra collina nella città di Sire erano state abbandonate alle forze di invasione turche la scorsa settimana.I rapporti dicono anche che le forze del KDP stanno costruendo una strada per veicoli militari tra Sheladize e Derelok al fine di proteggere le truppe turche dalla rabbia della popolazione locale. Si dice che i macchinari da costruzione qui usati siano stati importati dalla Turchia e gestiti da uomini del KDP.



Sostieni le donne combattenti in Rojava e Shengal!Sostieni le donne combattenti in Rojava e Shengal!
Vedi il file: con tag:  -  -  - Le nostre fonti

lunedì 22 luglio 2019

Cile: Scontri a Santiago dopo la morte di un giovane mapuche

21 luglio 2019


Una serie di scontri si sono accesi venerdì sera a Santiago, nell'asse di Alameda-Providencia, dopo una manifestazione in Plaza Baquedano in seguito alla morte di un membro della comunità mapuche a Tirúa. I carabinieri volevano disperdere la manifestazione, ma hanno incontrato una forte resistenza e sono rimasti bloccati. I cannoni ad acqua dovevano intervenire. I manifestanti mascherati hanno fermato un autobus, hanno fatto scendere tutti prima di lanciare una  molotov al suo'interno. I carabinieri hanno però fermato l'inizio dell'incendio. Sono state erette barricate e molte vetrine sono state distrutte.


vetrina rotta venerdì sera a Santiagovetrina rotta venerdì sera a Santiago
Vedi il file: taggato:  - - Le nostre fonti

Spagna: prigioniera comunista gravemente malata e lasciata senza cure

2020/05/24   https://secoursrouge.org/ Maria José Baños Andujar, una combattente GRAPO, incarcerata dal 18 luglio 2002, è in ...