domenica 17 maggio 2020

Francia: ritorno dei gilet gialli e repressione

 

Il movimento dei gilet gialli è tornato nelle strade  dall'11 maggio scorso. Con i gilet gialli è tornata, però, anche  la repressione . Lunedì 11 maggio, una dozzina di  giubbotti gialli si sono riuniti  nella rotonda di Near Arenas a Montpellier  ma sono stati rapidamente  sgomberati dalla polizia. Quattro gilet gialli sono stati multati per 135 euro. A Saint-Étienne du Rouvray, Giovedì 14 maggio, quando si erano radunate una ventina di gilet gialli, la polizia è intervenuta multando i presenti per inosservanza delle misure di confinamento e minacciando di  usare la forza se la gente fosse rimasta ferma. Una persona è stata arrestata e quindi rilasciata per essersi rifiutata di presentare i suoi documenti. 
Nonostante l'ordine prefettizio proibisse la manifestazione a Montpellier, 200 persone si sono ritrovate  in Place de la Comédie. I manifestanti sono stati divisi in gruppi di 10, per limitare la possibile contaminazione. La polizia è intervenuta in forza, mobilitando 350 agenti . Due persone sono state arrestate e un'altra, ferita, è stata evacuata  dai vigili del fuoco. A Pau, circa quaranta persone hanno risposto alla chiamata. A Marsiglia, un centinaio di giubbotti gialli sono state dispersi dalla polizia, che ha utilizzato gas lacrimogeni. La polizia ha anche effettuato un massiccio controllo dell'identità dei presenti. I gilet gialli denunciano in particolare il fatto che i raduni politici sono illegali mentre è consentito ammassarsi sui mezzi pubblici per andare al lavoro. Sottolineano inoltre che le norme di sicurezza non sono generalmente osservate dalla polizia quando intervengono contro i movimenti.
Espulsione di gilet gialli da una rotonda vicino a Montpelier

Spagna: prigioniera comunista gravemente malata e lasciata senza cure

2020/05/24   https://secoursrouge.org/ Maria José Baños Andujar, una combattente GRAPO, incarcerata dal 18 luglio 2002, è in ...